Home > Video > rischio: Cadute cantiere mobile > Procedura preventiva

Procedura preventiva: Cadute cantiere mobile

La sicurezza sul lavoro conviene, non è solo un diritto dei lavoratori, ma anche un dovere! Disattendere le norme di sicurezza da parte del datore di lavoro o ignorarle da parte del lavoratore stesso espone la collettività a costi sociali che sono di ben lunga superiori al beneficio economico che il singolo operatore economico ne possa ricavare. In molti casi si tratta di assoluta mancanza di conoscenza del rischio a cui i lavoratori vengono normalmente esposti è quindi di fondamentale importanza trasmettere con i mezzi più opportuni tale conoscenza. Quella che potremo definire Cultura della Sicurezza dei Luoghi di Lavoro e più in generale della vita personale di ognuno deve diventare patrimonio della collettività per impedire che gli infortuni sul lavoro si continuino a verificare non tanto per l’inosservanza delle norme scritte o per eventi straordinari e quindi imprevedibili, ma bensì per pura ignoranza del rischio!

Prendendo in considerazione l'edificio, per quanto riguarda la sicurezza di coloro che effettuano lavorazioni in quota , è opportuno distinguere le seguenti due situazioni principali.

Lavorazioni da svolgere all'interno dell'edificio

Lavori da eseguire nei locali e degli ambienti interni dell'edificio

Si tratta nella maggior parte dei casi della costruzione o manutenzione delle parti interne che costituiscono l'edificio stesso.

Questi lavori possono essere effettuati da imprese specializzate che in caso di manutenzione intervengono con periodicità o dagli addetti alla costruzione. Il pericolo in questo caso preso in esame è rappresentato dall'esecuzione di lavori in altezza, che devono essere eseguiti facendo uso di scale o impalcature. A questo proposito è da notare che all'interno degli edifici non si hanno situazioni di grande pericolo in quanto l'altezza degli ambienti è limitata: è necessario comunque dotarsi di scale o di impalcature a norma (caduta al suolo).

Attività da svolgere dall'esterno dell'edificio

I lavori di costruzione o manutenzione riguardanti le parti esterne dell'edificio sono stati raggruppati in quattro categorie, che costituiscono altrettanti frequenti interventi costruttivi o manutentivi.

Lavori di costruzione o manutenzione delle facciate cosiddette continue

Con tale termine si intende fare riferimento ai lavori di costruzione o manutenzione degli elementi e dei componenti che costituiscono la facciata, impiegando materiali precedentemente stoccati in cantiere o già posti in opera. Si tratta quindi di facciate costituite da lastre o da superfici variamente finite (vetro, lamiere metalliche, laminati, ecc.) che possono subire tale trattamento.

I ponti, normalmente depositati sulla copertura dell'edificio, vengono calati all'occorrenza lungo le superfici da pulire mediante apposito impianto di sollevamento.

Questa soluzione è adottabile per quelle facciate piane o curve che non presentano protuberanze lungo la verticale, in quanto una scelta progettuale di questo tipo impedirebbe l'uso del sistema a ponte mobile.

Il sistema deve essere tale da impedire, durante l'uso, l'oscillazione o la rotazione del ponte: in particolare deve essere progettato e realizzato in modo tale da non urtare la facciata perché l'eventuale rottura delle lastre di rivestimento o di tamponamento (soprattutto quelle di vetro) potrebbe comportare pericolo per i lavoratori, per gli utenti dell'edificio, per terzi.

Costruzione e manutenzione delle facciate tradizionali

I lavori di costruzione e manutenzione delle facciate tradizionali che riguardano la sua pulizia e/o il miglioramento del suo aspetto estetico e della sua funzionalità.

In ogni caso per costruire o intervenire sulle facciate è necessario approntare le dovute opere provvisionali che devono essere appropriatamente progettate e realizzate. La loro complessità è funzione dell'altezza dell'immobile e dell'articolazione della facciata, che può presentare sporgenze e rientranze sia in verticale che in orizzontale.

Il ponteggio deve essere realizzato in modo tale da essere funzionale, sicuro e rispondente alle norme per escludere la possibilità di cadute dall'alto.

Inoltre è necessario tenere in considerazione nella progettazione del ponteggio eventuali preesistenze anche non direttamente interessanti l'immobile ma che possono costituire intralcio e/o pericolo per coloro che effettuano le lavorazioni.

Come si può dedurre, i rischi per la sicurezza e per la salute sono numerosi, di cui si sottolinea la presenza del rischio cadute dall’alto come rischio in grado di produrre gli infortuni più gravi con frequenti decessi degli operatori infortunati.

Costruzione e manutenzione delle coperture a falde

Il problema di maggiore entità quando si devono effettuare lavori alla copertura di un edificio è quello dell'altezza.

A seconda della tipologia dell'edificio dovrà essere quindi allestito un appropriato ponteggio, che potrà avere diversa connotazione a seconda della tipologia di edificio e delle caratteristiche della zona in cui l'edificio è inserito.

Il tipo autosollevante non viene ritenuto idoneo, se non per lavori localizzati di modesta entità, in quanto non in grado di garantire protezione lungo tutto il perimetro della copertura e comunque non utilizzabile in centri dove siano presenti cavi aerei.

È da tener presente inoltre che in entrambi i casi previsti, dovrà essere tenuta in considerazione la sporgenza del tetto fino alla linea di gronda rispetto alla verticale della facciata, al fine di progettare ed eseguire il ponteggio nel modo più rispondente alle necessità.

Costruzione e manutenzione delle coperture piane

Più semplice risulta l’esecuzione dei lavori di costruzione per i quali valgono le considerazioni di cui al precedente punto, per la manutenzione della copertura piana, in generalmente si accede dall'interno dell'edificio.

I più frequenti interventi di manutenzione si rendono necessari quando si verificano infiltrazioni di acqua meteorica o quando lo strato impermeabile sia deteriorato.

Operatori coinvolti

  • Addetto alle lavorazioni manuali
  • Addetto alle lavorazioni con utensili elettrici